fbpx
Natale: la nascita di Cristo
Natale: la nascita di Cristo
6 May, 2020
Sono una persona tossica?
Sono una persona tossica?
18 May, 2020
La meditazione

La meditazione

Il mondo frenetico in cui viviamo ha fatto dimenticare all’uomo se stesso. Per questo cerca all’esterno ciò che può trovare solo dentro, la pace, la felicità, l’equilibrio. E la meditazione è la scienza che può portarlo a trovare quell’armonia.

Il vuoto interiore

La meditazione è la chiave per trovare la Pace, l’Armonia, l’Equilibrio. Ma queste parole, anche se non ancora dimenticate, sembrano aver perso il loro significato nella società odierna. Tuttavia, lo stress, la depressione, l’ansia, la frustrazione sono sì grandi realtà del caotico vivere quotidiano della nostra vita. E tutte queste parole sono sintomi della stessa malattia: il Vuoto dentro.

riflessione

Caro lettore, prenditi un momento per guardarti dentro e rispondere onestamente: hai sentito un vuoto dentro di te?

Il tempo passa in fretta e noi cerchiamo sempre freneticamente di anestetizzarci con una o l’altra emozione passeggera. Queste sono le emozioni che una nuova auto, una promozione sul lavoro, un viaggio, un programma preferito, ecc. ci portano. Ma, dopo tutto questo, ritorna sempre la stessa sensazione di vuoto… Perché?

Questo accade perché l’uomo ha dimenticato se stesso, così profondamente, che ha finito per cercare all’esterno ciò che può trovare solo dentro di sé. Sembra quindi che la vera felicità ci sia sfuggita.

La meditazione come chiave della felicità

Conoscere, esplorare e riconnettersi con noi stessi, sono le chiavi per affrontare queste malattie quotidiane. E il rimedio per raggiungere questo obiettivo si chiama Meditazione, il cui significato è “guardare verso il centro”, “guardare dentro di sé”.

Anche se la parola Meditazione ci rimanda immediatamente all’Oriente, ci sono dati storici che aiutano a dimostrare che è antica quanto l’umanità e che si è sviluppata in diverse culture, per esempio: Maya, Aztechi, Incas, Egiziani, Ebrei, tra gli altri. In India è la Diana, la cui intensa pratica porta allo Shamadi (estasi). In Cina è conosciuta come Ch’anna, e in Giappone, Ch’an (Zen).

Uno Stato di Coscienza

Più che una tecnica, come molti potrebbero pensare, la meditazione è uno “stato” di coscienza. Implica uno “stato” di consapevolezza passiva, aperta, ricettiva e attiva.

Per capire questo dobbiamo osservare la nostra mente. In questo modo percepiremo che stiamo pensando continuamente, sia nel passato (ricordi) che nel futuro (desideri, aspettative). In questo senso, in Meditazione l’obiettivo è quello di esaurire il processo di pensiero, di raggiungere uno stato di “non pensare”. Poi, mantenendo l’attenzione fissa su un punto (la concentrazione) otterremo un silenzio mentale molto speciale, con il quale potremo sperimentare il momento presente.

“Se mangiate, mangiate. Se ti vesti, vestiti; se cammini per strada, cammina, cammina, cammina, cammina; ma non pensare ad altro, fai solo quello che stai facendo, non fuggire da quello che stai facendo, non fuggire dai fatti, non riempirli di tanti significati, simboli, prediche e avvertimenti. Viverli, senza allegorie; viverli con una mente ricettiva di istante in istante”.

Samael Aun Weor; “La rivoluzione della dialettica”.

La pratica della Meditazione

La Meditazione è uno “stato” di coscienza. Pertanto, il continuo stato di “ora” è il suo obiettivo. E per raggiungere questo stato ci sono innumerevoli tecniche: alcune combinate con il movimento, come nello Yoga o nel Tai Chi Chuan; altre sono a riposo. Si utilizzano anche tecniche con mantra, preghiere o musica. E altri si affidano alle funzioni biologiche solo come centro di concentrazione, come la respirazione o il battito cardiaco, per esempio. Tuttavia, tutti hanno punti in comune, passi, che dobbiamo seguire per raggiungere il nostro obiettivo.

I passi sono: rilassamento, mente tranquilla, concentrazione, meditazione, estasi. In India si chiamano: asana, pratyra, dharana, dyana e shamadi, rispettivamente.

“È necessario mettere il corpo nella posizione più comoda (Asana); è indispensabile mettere la mente in uno stato di vuoto prima della concentrazione (Pratyara); è urgente saper fissare la mente su una sola cosa (Dharana); in questo modo si arriva all’estasi (Samadhi). Questa disciplina esoterica della mente dovrebbe impregnare completamente la nostra vita quotidiana.”

Samael Aun Weor.

Meditazione e benessere fisicoMeditazione e benessere fisico

I potenziali benefici della meditazione sono molti. È ora ampiamente utilizzato in campo sanitario per aiutare i pazienti a migliorare il loro stato d’animo, l’ansia e la depressione. Viene anche usato per rafforzare le funzioni immunitarie, la pressione sanguigna, diminuire le crisi epilettiche, migliorare la tolleranza al dolore cronico, ridurre il consumo di farmaci, tra gli altri benefici (dati del North American Center for Complementary and Alternative Medicine – NCCAM, 2006).

Come conseguenza di queste scoperte la pratica della Meditazione ha attirato l’interesse degli scienziati in questo momento. Soprattutto grazie ai progressi della medicina, che permettono una migliore comprensione dei meccanismi neurobiologici coinvolti (Kozasa, 2007).

Inoltre, con il progresso della tecnologia, le tecniche di imaging neurale hanno permesso agli scienziati di visualizzare chiaramente cosa, come e quanto intensamente il cervello cambia durante uno stato di meditazione. Questo porta ad alterazioni in tutto il corpo (Angelotti, 2007). In questo modo, è dimostrato che la meditazione, sebbene sia una tecnica semplice, ha una forza sufficiente per promuovere le alterazioni dell’attività neurologica.

D’altra parte, alcune ricerche mostrano che la meditazione agisce sul sistema nervoso autonomo, portando a uno stato di rilassamento profondo; riducendo i livelli del cortisolo ormonale, favorendo il benessere fisico e mentale (Deshmukh, 2006); (Pace, 2009).

La meditazione nel campo della Scienza e della Mistica

Con la crescente popolarità della meditazione in ambiente ospedaliero, per i suoi benefici medici e psicologici e per gli eccellenti risultati ottenuti nei pazienti, oggi si registra un notevole aumento dell’interesse ad applicarla in modo laico, in altri settori. Ad esempio, nel contesto scolastico, massimizzare il potenziale di apprendimento, perfezionare le capacità individuali e migliorare le relazioni sociali degli studenti, siano essi bambini, adolescenti o adulti. Inoltre, alcuni studi mostrano un notevole aumento dei livelli di apprendimento e, successivamente, dei voti degli studenti, dopo aver meditato nel contesto educativo (Greenberg e Harris, 2011).

Tuttavia, pur essendo una scienza, la meditazione ha anche il suo aspetto mistico e religioso, poiché entra in contatto con l’Essere Umano con la sua realtà profonda, ci fa riscoprire una parte eterna di noi stessi. Quella parte che è sempre stata e sempre sarà, che non è altro che Dio, che è sempre stato lì, ma dimenticato, nascosto dal velo dei nostri pensieri e delle nostre emozioni sbilanciate. Ecco perché i mistici di tutte le religioni hanno praticato la meditazione, e che l’estasi profonda è la Gnosis stessa, o la conoscenza diretta della Divinità dentro di sé.

Come abbiamo visto, i benefici sono infiniti, quindi questo è il momento di conoscerci, di riconnetterci con la nostra realtà più profonda, come una panacea universale per riequilibrare noi stessi e completare quel vuoto perpetuo con una ricca vita interiore, che ci riempirà di gioia, armonia e pace.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aiutaci